it
en
La Fortuna Visiva di Pompei
Home » Esplora » Thesaurus dei soggetti » Porta

Porta

Gerarchia: oggetto archeologico » architettura » struttura architettonica - elemento architettonico - elemento d'arredo » porta

Definizione:

apertura praticata nel muro di un edificio onde permettere il passaggio dall’esterno all’interno e viceversa e tra i diversi ambienti interni; in particolare la porta d’ingresso, il principale accesso a un edificio, quasi sempre arretrata dalla linea di facciata, talora rastremantesi, è di norma caratterizzata da una impostazione architettonica più o meno ricca e articolata e può presentarsi più o meno angusta, a seconda dell’importanza, della destinazione e della cronologia dell’edificio; comune a Pompei è il tipo di p. alta e angusta, inquadrata da stretti stipiti sormontati, ma non sempre, da un piccolo capitello e coronata da un architrave privo di decorazione, con cornice aggettante, neppure questo, comunque, costantemente presente; nondimeno si riscontra una discreta varietà di tipi e di disposizione negli elementi di inquadramento (stipiti, colonne) e coronamento (capitelli –quelli a dado sono caratteristici della fase sannitica-, architrave –supercilium-, sovrapporta –hyperthryrum-, una o più cornici), nonché negli elementi decorativi di questi ultimi (listelli, gole, gocciolatoio, dentelli, sgusci), fino a raggiungere proporzioni e disposizione tali da nobilitare l’aspetto dell’intera facciata. Le porte d’ingresso potevano essere più di una, in tal caso la principale era di dimensioni maggiori. [Vd. anche s. v. battente].


1 2

Casa dei capitelli colorati, peristylium - veduta

ID: CA2_0056

cromolitografia

In:

Casa del Fauno, decorazione architettonica dell'adito ed elementi d'arredo - prospetto

ID: CA1_0093

cromolitografia

In: