it
en
La Fortuna Visiva di Pompei
Home » Esplora » Thesaurus dei soggetti » Natura morta

Natura morta

Gerarchia: oggetto archeologico » pittura » pittura-tema » natura morta

Definizione: termine moderno con cui si designa anche un genere (già documentato nell’arte ellenistica dei setc. III e II a. C.) della pittura parietale romana, avente per tema soggetti inanimati: uccelli, pesci, frutta e commestibili di ogni genere (sempre crudi e freschi, senza alcuna preparazione), resi con grande naturalezza, talora in combinazione con arnesi d’uso comune e di culto (coltello sacrificale) e di norma rappresentati sparsi e liberamente disposti o raggruppati in canestri, coppe, etc.; altre volte agli oggetti viene affiancato un animale vivo, quasi sempre un gallo; né mancano nature morte che rappresentano oggetti per scrivere e denaro; le più numerose e significative testimonianze pittoriche di n. m. sono quelle di Pompei ed Ercolano. Il repertorio tematico di questo genere, con i suoi motivi e le possibili combinazioni venne recepito dai mosaicisti così che nature morte e varie rappresentazioni di cibi sono un soggetto consueto dell’arte del mosaico, destinate in particolare a sale da pranzo e da banchetto. [Vd. anche s. vv. pinax e xenia].


1 2

Casa dei Dioscuri, tablinum, pittura murale: parete e dettagli - prospetto

ID: CA1_0044

cromolitografia

In: