it
en
La Fortuna Visiva di Pompei
Home » Esplora » Thesaurus dei soggetti

Thesaurus dei soggetti

In questa sezione è possibile consultare il Thesaurus dei soggetti.

  • Puoi espandere o chiudere l'albero del Thesaurus cliccando su "chiudi la lista" e "espandi la lista".
  • Clicca su un termine per visualizzarne la definizione.

 

Introduzione al Thesaurus dei Soggetti

L'obiettivo principale del Progetto "La Fortuna visiva di Pompei" è l'analisi della percezione delle antichità vesuviane basata sulla documentazione grafica prodotta sino alla fine dell'Ottocento, e la conseguente ricostruzione dell'identità culturale di Pompei che risulta dall'unione dei significati che in diversi momenti storici sono stati attribuiti ai monumenti di Pompei da varie persone.

Le finalità del progetto hanno evidenziato la necessità di "soggettare" le Fonti iconografiche dell'Archivio digitale, ossia di etichettare i singoli documenti grafici con parole-chiave relative ai soggetti rappresentati, per  consentire un'analisi tematica dei contenuti visivi.

L'esame dei più diffusi thesauri e dizionari è stato utile per la progettazione, tuttavia ha rilevato l'inadattabilità di modelli già esistenti, per la peculiarità della documentazione inserita nell'Archivio, indicando come soluzione la creazione di un thesaurus ad hoc.

Il Thesaurus dei soggetti è ideato appositamente per le Fonti iconografiche di questo Archivio, per analizzarne la tipologia della raffigurazione da un lato, ed i soggetti rappresentati dall'altro. E' strutturato gerarchicamente ad albero e comprende tre grandi categorie logiche:

Tipologia della raffigurazione: è relativa al documento grafico e permette la soggettazione del tipo di rappresentazione. Le chiavi di soggetto comprese in questa categoria sono "veduta", "prospetto", "pianta", "sezione", "ricostruzione fantastica", "raffigurazione a mano libera". Le successive diramazioni consentono ulteriori specificazioni, ad esempio "veduta con disegnatore" o "prospetto di iscrizione";

Oggetto archeologico: riguarda i soggetti raffigurati nel documento esaminato ed esprime una classificazione tipologica dei reperti archeologici. Le chiavi di soggetto comprese in questa categoria sono "architettura", "pittura", "mosaico", "scultura", "iscrizione", "instrumentum". Da questa prima classificazione scaturiscono varie diramazioni che permettono una soggettazione via via più approfondita, sino a termini quali "casa ad atrio", "cubiculum", "capitello", "grottesca", "soglia mosaicata", "busto", "iscrizione onoraria", "braciere", etc.;

Soggetto decorativo: concerne i soggetti rappresentati come decorazione sui reperti archeologici che fanno parte della precedente categoria e sono comuni alla pittura, alla scultura, ai mosaici ed all'instrumentum. Comprende le chiavi di soggetto "abbigliamento", "animale", "animale fantastico", "architettura e arredamento", "arma", "mezzo di locomozione", "motivo geometrico", "motivo vegetale", "natura e ambientazione", "oggetto e suppellettile", "scena figurata", soggetto antropomorfo", "strumento musicale", tutte seguite dalla specificazione "decorazione", in quanto relative alla decorazione dei soggetti raffigurati nel documento iconografico esaminato. Le ulteriori diramazioni approfondiscono la terminologia sino a definizioni come "testa di leone", "centauro", "bipenne", "meandro", "acanto", "scena di battaglia", "Apollo", "Agamennone", "Alessandro Magno", "offerente", "flauto", etc.

Il Thesaurus dei soggetti, disponibile in Italiano e in Inglese, è incrementabile, prevedendo l'inserimento dei termini che in corso d'opera si renderanno necessari ad etichettare i documenti grafici via via inseriti nell'Archivio. Ogni termine è corredato da una definizione tradotta nelle due lingue supportate.